La gestione dei social

Pagina salone social, gli errori più comuni da evitare

La gestione social non è un argomento ormai esaurito, anzi a seguito di un’analisi del panorama online dei saloni italiani emerge che c’è ancora da lavorare per rendere efficace la comunicazione, ma prima di pensare a comunicare dobbiamo pensare ad ottimizzare al meglio lo strumento.

Indice

Pensa se un aspirante pilota si trovasse in cabina di pilotaggio e mettesse in pratica solo esperienze e convinzioni personali, forse riuscirebbe ad avviare il motore, forse potrebbe addirittura far muovere l’aereo sulla pista, ma senza un’adeguata preparazione e le indicazioni corrette con molta probabilità non riuscirebbe a decollare, e se per caso dovesse riuscirci non vogliamo nemmeno pensare alle tragiche conseguenze.

Non abbiamo la presunzione di insegnare nulla, anche perchè il web e i social sono motivo di apprendimento ed evoluzione costante, ma grazie ad anni di esperienza e con il supporto del nostro ufficio marketing e del nostro consulente abbiamo alcuni TIPS&TRICKS – semplici accorgimenti e suggerimenti – sull’utilizzo dei social che vogliamo condividere per costruire una base solida da cui partire per migliorare la comunicazione verso la clientela del salone di hair style o estetista.

Potrebbero sembrare argomenti scontati per chi ha già iniziato un percorso dedicato, anche se è sempre possibile migliorarsi, infatti dall’analisi effettuata emergono situazioni dove i temi risultano molto attuali, ma non perdiamo altro tempo, che dici, iniziamo?

Profilo personale NO, pagina aziendale SI

Partiamo col botto, è un argomento molto più ampio rispetto a quanto si può intuire dal titolo, ovviamente se gestisci un salone e vuoi comunicare online non puoi farlo dal tuo profilo personale ma devi creare una pagina e lavorare con quella. I motivi sono tanti, ma possiamo semplificare e ricondurre al fatto che la pagina aziendale ha tanti strumenti e tante possibilità che mancano nel profilo personale, utilizzato invece per pubblicare e condividere foto, immagini, video e contenuti che riguardano la sfera privata e non l’attività aziendale.

Se sei già ad uno step successivo ed hai creato la pagina del salone, ricorda di non commettere un errore che abbiamo notato spesso, non fare l’esatto opposto del caso precedente, non utilizzare la pagina aziendale per raccontare la tua vita privata, puoi e devi raccontare la tua vita all’interno del salone mettendo in evidenza capacità, creatività e particolari che rendono la tua professione unica rispetto alla concorrenza.

Configurazione grafica, gli errori da evitare

Bene abbiamo creato la pagina, ora inizia il divertimento, per prima cosa possiamo configurare l’immagine del profilo e la copertina, di per sé operazioni banali nell’esecuzione, ma che nascondono insidie per quanto riguarda il contenuto.

Nell’immagine del profilo evitare di inserire foto personali, no a scansioni (o peggio fotografie) del biglietto da visita e fotografie della vetrina, ricorda che le persone devono imparare a riconoscere il tuo marchio, ci deve essere coerenza tra quello che trovano online sulla tua pagina e quello che vedono passeggiando in prossimità del tuo salone e, una volta entrate all’interno, nel listino e negli accessori.

È comunque un errore utilizzare la fotografia della vetrina, le immagini del profilo risultano molto piccole quando le persone scorrono i post sui social, di conseguenza non si riescono a distinguere i particolari e la foto risulterà una “macchietta” indefinita che non aiuta a diffondere marchio e riconoscibilità. L’ideale è farsi mandare un’immagine del logo dal grafico, se il marchio inoltre è complesso e sviluppato in orizzontale o in verticale può rivelarsi molto utile inserire solo la parte disegnata del logo.

Passiamo alla copertina, ricorda che è il primo elemento d’impatto che gli utenti vedono quando arrivano sulla tua pagina, è strategica per comunicare rapidamente ed efficacemente. Anche in questo caso sconsigliamo l’utilizzo della foto della vetrina a meno che la location sia particolare e la fotografia sia scattata con un tocco artistico da un professionista. Devi invece puntare su un’immagine che possa posizionare in modo unico il tuo salone e le tue caratteristiche in un determinato momento della stagione.

Ecco alcuni esempi:
Se, a seguito di un corso di formazione per parrucchieri, hai acquisito nuove tecniche sul colore, la tua copertina potrebbe riguardare proprio quell’argomento ed inserire quindi una fotografia di una colorazione che hai realizzato.

Se è tempo di comunioni e cresime la copertina potrebbe contenere acconciature e creazioni che riguardano le cerimonie, se stiamo entrando nel periodo estivo o invernale o siamo vicini ad una data rilevante come ad esempio Natale o capodanno ecco che potresti inserire foto ed immagini relative al periodo o al giorno particolare.

La copertina infatti non deve essere statica ma và modificata seguendo l’attività del salone, oppure in base ad eventi, giorni e ricorrenze importanti.

Completare le informazioni

Sistemata la parte grafica puoi concentrarti sul completamento delle informazioni partendo dal nome della pagina, che dovrà riprendere il nome del salone, nel caso di una pagina appena creata l’opzione può non essere subito disponibile. Vanno poi completate tutte le info riguardanti la posizione, inserendo l’indirizzo e la città, i contatti telefonici, email, sito e gli orari, che potranno essere aggiornati in seguito a chiusure o aperture straordinarie.

È utile inoltre attivare e completare i Servizi che il salone mette a disposizione, caratterizzandoli con un particolare che li renda unici, se ad esempio utilizzi colorazioni a base naturale, ecco che segnalandolo ti distingui dai concorrenti che ancora non utilizzano quel tipo di trattamento.

Dalle impostazioni è possibile attivare la Vetrina che ti permette di pubblicare un vero e proprio carrello di prodotti e servizi ma ne parleremo presto in un tutorial dedicato.

Fotografie e album, l’errore che fanno tutti

Una delle “sviste” più comuni è la non organizzazione delle immagini, si tende infatti a caricare tutte le foto senza un ordine preciso, ma se prestiamo un po’ di attenzione in più riusciamo a rendere l’esperienza di navigazione degli utenti più efficace per mostrare tagli, colori, acconciature e stili. Se ad esempio con frequenza pubblichiamo post simpatici che trattano l’argomento salone e parrucchiere con aforismi e frasi divertenti e tutte le foto vengono raccolte all’interno di un album, l’utente può passare da un aforisma all’altro, rimanendo per più tempo sulla nostra pagina e familiarizzare sempre di più con il marchio e i nostri valori, un pezzettino di conoscenza e fiducia in più che contribuisce a costruire una relazione. Pensa, lo sforzo per costruire un album è minimo, così come organizzare le foto, inizialmente potresti lavorare con il nuovo metodo con i post che andrai a creare, e con calma spostare quelli più vecchi per dare più ordine possibile alla pagina.

Struttura di un post leggibile

Questo punto da solo merita di essere sviluppato in un contenuto a parte che presto andremo a creare, è sicuramente possibile dare indicazioni di base che possono essere messe in pratica da subito. Gli utenti social non hanno pazienza e difficilmente leggono troppo, se poi prepariamo un post difficile da leggere ecco che la nostra comunicazione perde immediatamente di efficacia. Il primo consiglio è quello di non dilungarsi troppo nella descrizione delle immagini, ma nemmeno fare l’esatto opposto e inserire solo qualche parola che spiega poco o nulla di quello che vogliamo fare passare. Dobbiamo sempre metterci dall’altra parte dello schermo e pensare come se fossimo noi i clienti, quali informazioni sto ricevendo? Che tipo di problema stanno risolvendo? Quale utilità posso avere dal post?

Riprendiamo l’esempio delle colorazioni naturali, se hai realizzato una colorazione ad una tua cliente che si è prestata per una fotografia e vuoi pubblicarla sulla pagina, potresti prendere spunto dalla situazione reale e sviluppare il post di conseguenza. La cliente che hai trattato ha problemi di cute sensibile? Benissimo il testo potrebbe essere:


Titolo: CUTE SENSIBILE E FACILMENTE IRRITABILE?

Corpo del testo: Cambiare colore ai tuoi capelli non è più un problema. Con la nuova linea vegetale avrai colori brillanti e cute fresca.

Call to action: Richiedi più info o vieni a trovarci in salone per un’esperienza colore indimenticabile

Informazioni: Ci trovi in Via Pinco Pallo, 7
Cell. 335 0000000
m.me/nomedellapaginadelsalone


Come puoi notare dall’esempio il testo è suddiviso in parti separate da spazi che facilitano la lettura e aumentano le probabilità che il post venga letto dagli utenti, il Titolo puoi decidere di scriverlo in maiuscolo, oppure puoi dargli evidenza inserendo all’inizio un emoticons, il Corpo del testo deve evidenziare in modo discreto un problema e la sua soluzione, la Call to action – chiamata all’azione – ha il compito di stimolare gli utenti a compiere l’azione che abbiamo posto come obiettivo finale, mentre le Informazioni rendono più facile il contatto.

Se stai postando un’immagine divertente per la rubrica “Aforismi in salone” evita di inserire Call to action e Informazioni, mentre il Corpo del testo può ridursi notevolmente, lasciano spazio al Titolo contenente il nome dell’album, per rendere il post immediatamente riconoscibile.

Se non siamo riusciti a spiegare nel dettaglio alcuni passaggi o vuoi più informazioni sulle procedure per configurare la pagina completa il form qui sotto con la richiesta, o utilizza il fumetto della chat, ti risponderemo il più presto possibile.